Ultima modifica: 26 giugno 2018

Calendario civile

 

Anno scolastico 2017/2018

Docente referente

Prof.ssa Chiara Fragiacomo

 

Descrizione:

 

La proposta di “commemorare” le date scandite dal Calendario civile, a scuola, nasce dalla convinzione che solo la conoscenza profonda delle vicende storiche del nostro recente passato mettendo in evidenza i conflitti, le speranze, le lotte e le conquiste degli uomini e delle donne, possa rendere più sicuro e consapevole il senso di appartenenza alla comunità locale, nazionale e internazionale.

Il Calendario civile si concretizza in una serie di attività didattiche che sviluppano competenze di cittadinanza attiva radicate nella Storia e in grado di orientare nelle sfide del tempo attuale.

Le attività proposte coinvolgono tutte le discipline, i docenti della scuola, le risorse del territorio e concorrono alla formazione civica e sociale degli studenti in coerenza con gli obiettivi indicati dal PTOF d’Istituto.

Nel corso dell’anno scolastico il progetto si è articolato in una serie di attività (uscite didattiche e conferenze) realizzate in corrispondenza di alcune date significative del Calendario civile.

 

INIZIATIVE REALIZZATE

  • Martedì 24 ottobre 2017 – Dalle 9.55 alle 10.50, in Aula magna, le classi 2A, 3C, 3D, 3E, 4B, 4C, 4E, in occasione del centenario della battaglia di Caporetto, hanno assistito alla proiezione del docufilm 24 ottobre 1917 – Caporetto, prodotto da Teresa Terranova, ex studentessa del Liceo Stellini, oggi attiva nel settore della produzione di audiovisivi e documentari di carattere sociale.

 

Il filmato è una lettura misurata degli eventi drammatici che il 24 ottobre 1917 determinarono lo sfondamento del fronte italiano da parte degli Austriaci e Tedeschi con la conseguente precipitosa ritirata (rotta) degli Italiani fino al Piave. Il protagonista, interpretato dall’attore, Rosario Tedesco, è un reporter, di origine friulana, inviato da un giornale nazionale per raccogliere impressioni, notizie e dati storici sul territorio che comprende le Valli del Natisone, la catena del Kolovrat e la valle dell’alto Isonzo da Bovec a Tolmino, cioè il contesto ambientale in cui, per due anni, si fronteggiarono cento anni fa le divisioni del regio esercito italiano e austroungarico.

Il reporter parte dal Liceo Classico “J. Stellini” di Udine, sede del comando supremo italiano dal 1915 al 1917. Lungo il tragitto alla volta di Caporetto e del fiume Isonzo (Slovenia), si ferma ed esplora i segni lasciati dalla Grande Guerra. In questo viaggio “nel tempo” e nella riscoperta di un territorio a lungo trascurato dai media, il reporter riflette a voce alta e si fa delle domande a cui tentano di dare una risposta studiosi ed esperti di storia militare.

 

  • Giovedì 11 gennaio 2018 – La classe 3C, accompagnata dai professori Fragiacomo e Rotolo, ha

visitato il Museo della Comunità ebraica di Trieste “Carlo e Vera Wagner” e incontrato il rabbino Ariel Haddad, direttore del Museo. Poi ha visitato la Sinagoga, considerata tra i maggiori edifici di culto ebraici in Europa, e la Risiera di San Sabba, lager nazista utilizzato per il transito, la detenzione e l’eliminazione di un gran numero di detenuti, in prevalenza prigionieri politici ed ebrei.

 

  • Giovedì 25 gennaio 2018 – Le classi 2A e 2D, accompagnate dai professori D’Orlando, Gini, Posenato e Fragiacomo hanno visitato il Museo della Comunità ebraica di Trieste “Carlo e Vera Wagner” e incontrato il rabbino Ariel Haddad, direttore del Museo insieme al testimone Armando Chaim, figlio di due sopravvissuti alla persecuzione nazista. Poi gli allievi hannpd visitato la

 

  • Sabato 27 gennaio 2018, “Giornata della Memoria” (Legge n. 211 del 20 luglio 2000) – Dalle 8.00 alle 10.00, in Aula Magna, le classi 5A, 5B, 5C, 5E, 4A, 4D, 4E, hanno partecipato alla Conferenza del prof. Claudio Giachin sul tema Antisemitismo versus Sionismo. Il processo ad Adolf Eichmann.

Dalle 11.00 alle 13.00, le classi 5D, 4B, 4C, 3A, 3B, 3C, 3D, 3E, hanno partecipato alla Conferenza del prof. Claudio Giachin sul tema Dal ghetto di Varsavia a Treblinka.

L’allieva Bianca Podbersig ha recitato la poesia Campo dei Fiori del poeta polacco Czeslaw Milosz. La mattinata si è conclusa con il Canto dei partigiani del ghetto di Varsavia.

 

  • Martedì 30 gennaio 2018 Le classi 1E e 1A, accompagnate dai professori Costantini, Andrea Nunziata e Redditi, hanno visitato il Museo della Comunità ebraica di Trieste “Carlo e Vera Wagner” e incontrato il rabbino Ariel Haddad, direttore del Museo. Hanno visitato la Sinagoga, e in seguito, il Museo Civico Morpurgo già appartamento di una ricca famiglia della borghesia imprenditoriale ebraica di Trieste e splendido esempio di casa borghese arredata con sfarzo principesco (gli interni, tutti originali, rappresentano diversi stili storici nel gusto del secondo Ottocento).

 

  • Martedì 6 febbraio 2018 – La classe 4E, accompagnata dai professori Cavasin e Corrado, ha visitato il Museo della Comunità ebraica di Trieste “Carlo e Vera Wagner” e ha incontrato il rabbino Ariel Haddad e la testimone Fulvia Levi, che dal 1943 al 1945 (aveva 13 anni) fu nascosta con i genitori presso la casa della signora Adele Zara di Mira-Oriago (Ve), poi riconosciuta “Giusta tra le nazioni” dallo Stato di Israele nel 1996. In seguito, gli allievi hanno visitato la Sinagoga, la Risiera di San Sabba con l’annesso Museo civico.

 

  • Martedì 6 febbraio 2018 –In occasione del “Giorno del Ricordo”, le classi 2A, 2D, 2E, accompagnate dai professori Delfabro, Gini, Posenato e Fragiacomo, hanno partecipato alla conferenza del prof. Elio Varutti sul tema Villaggio metallico, i Campi profughi e i Villaggi giuliani di Udine, 1944-1962.

In seguito, gli allievi delle classi 2A e 2D, accompagnati dai professori Gini, Posenato, Fragiacomo e guidati dal prof. Elio Varutti hanno realizzato in città “la camminata del Ricordo” con le seguenti tappe:

 

  1. Piazza Libertà, Leoni marciani, Loggia del Lionello (“consolazione per gli esuli”).
  2. Chiesa della Beata Vergine del Carmine, dove si celebrarono centinaia di matrimoni di esuli del Centro Smistamento Profughi di via Pradamano nel 1953-1956.
  3. Parco Vittime delle Foibe, del 2010.
  4. Centro Smistamento Profughi di via Pradamano (1945-1960).
  5. Stazione ferroviaria, lapide Donne resistenti (2013) omaggio alle ragazze e bambine che nel 1944 -1945 aiutarono i deportati ebrei (di Fiume) e di altre zone, e i militari italiani imprigionati e deportati ai campi di concentramento e sterminio creati in Europa dalla Germania nazista.

 

  • Giovedì 8 febbraio 2018 – La classe 2E, accompagnata dai professori Aloise e Delfabro, ha visitato il Museo della Comunità ebraica di Trieste “Carlo e Vera Wagner” e incontrato il rabbino Ariel Haddad insieme al testimone Armando Chaim, figlio di due sopravvissuti alla persecuzione nazista. Poi gli allievi hanno visitato la

 

  • Sabato 10 febbraio 2018 ,“Giorno del Ricordo” (Legge n. 92 del 30 marzo 2004) – Dalle 8.00 alle 10.00, in Aula Magna, le classi 5A, 5C, 5D, 5E, 4A, 4B, 4D, 3B, hanno partecipato alla Conferenza del prof. Claudio Giachin sul tema La questione della Dalmazia.

Dalle 11.00 alle 13.00, le classi 5B, 4C, 4E, 3A, 3C, 3D, 3E, hanno partecipato alla Conferenza del prof. Claudio Giachin sul tema “Esodi”. Le pulizie etniche alla fine della Seconda guerra mondiale.

 

  • Mercoledì 21 marzo 2018 – Gli studenti Emma Mattiussi, Rachele Spizzo, Maria Nimis, Alessandro Simonutti (5C), Alice Chiaruttini (5E), Chiara Zanella (3E), Lorenzo Ursella (1A), accompagnati dal prof. Nunziata, hanno partecipato alla cerimonia di Muggia, in occasione della XXIII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie (Legge n. 20 dell’8 marzo 2017) “Terra. Solchi di verità e giustizia” organizzata in regione dal Coordinamento regionale dell’Associazione Libera con il Patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e del Comune di Muggia e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

I rappresentanti delle Istituzioni, delle Forze dell’ordine, delle realtà del volontariato e dell’associazionismo, insieme a studenti, insegnanti e semplici cittadini si sono alternati per la lettura degli oltre 800 nomi delle vittime della violenza mafiosa.

 

  • Giovedì 22 marzo 2018 – Gli allievi della 2E, accompagnati dalla prof.ssa Delfabro e guidati dal prof. Elio Varutti, vicepresidente dell’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (sez. di Udine), con la presenza hanno effettuato il trekking urbano sul tema Esuli d’Istria, Fiume e Dalmazia a Udine. 1944 -1962. Prima del percorso, la presidente dell’Associazione Anvgd, comitato provinciale di Udine, Bruna Zuccolin, ha salutato gli allievi. Ha inteso portare il suo saluto alla scolaresca anche Giorgio Gorlato, esule da Dignano d’istria, nel 60° anniversario del suo diploma di liceale allo Stellini.

 

  • Venerdì 13 aprile 2018, dalle 16.00 alle 18.00, in Aula Magna del Liceo si è svolta la Conferenza VOCI DALLA SHOAH. Storie e memoria in Friuli Venezia Giulia a ottant’anni dalla promulgazione delle leggi razziali con gli interventi di:

 

  1. Tommaso Chiarandini (ricercatore storico – Università di Teramo) “Le leggi razziali nella stampa udinese locale (1938-1940)”.
  2. Silva Bon (storica – Istituto regionale per la storia della Resistenza e dell’Età contemporanea – FVG) “La persecuzione ebraica a Trieste: la deportazione degli anziani dagli ospedali e dalla Pia Casa Gentilomo”.
  3. Proiezione video “Elio Morpurgo: una vita” a cura degli studenti della 5A del Liceo Economico Sociale “Caterina Percoto” di Udine su progetto e coordinamento della prof.ssa Nicoletta Picotti.
  4. Letture a cura degli studenti tratte da: ‘’La ragazza che sognava il cioccolato’’ di Robert Olla, “Questo povero corpo” di Giuliana Fiorentino Tedeschi, “Le-Zikkaron = In memoria : per non dimenticare i deportati della comunità ebraica di Gorizia, 23 novembre 1943, di Antonella Gallarotti, “Una bambina ad Auschwitz” di Arianna Szörényi.

 

  • Lunedì 23 aprile 2018, in occasione della Festa della Liberazione (25 aprile), dalle ore 15.30 alle ore 17.30, in Aula Magna del Liceo, si è svolta la conferenza del prof. Tiziano Sguazzer sul tema Loris Fortuna nella Resistenza friulana: dal “Battaglione Studenti” alla deportazione nel penitenziario di Bernau am Chiemsee.

articolo di Carlo SERA della 2E 2017/2018

 

 

  • Tiziano Sguazzero ha illustrato il contributo di Loris Fortuna (deputato e ministro della Repubblica) e di altri studenti friulani, alcuni dei quali furono allievi del Liceo classico “Jacopo Stellini”, alla lotta di Liberazione in Friuli. Essi operarono in un gruppo resistenziale autonomo di matrice osovana denominato “Battaglione studenti” sino all’arresto dei suoi principali membri nell’aprile del 1944. Verranno inoltre presi in esame il complesso iter giudiziario affrontato da Fortuna e dagli altri studenti detenuti nel carcere goriziano di via Barzellini e la loro successiva deportazione nel penitenziario di Bernau am Chiemsee in alta Baviera.

 

  • 4-5-6 maggio 2018 – in occasione della Manifestazione internazionale a Mauthausen (Anniversario della liberazione del campo di concentramento il 5 maggio 1945), gli allievi Francesca Beltrame (4C), Maria Micaela Bin (4E), Sara Budulig (3D), Giorgia Burato(3D), Giovanni Cabroni(3D), Greta Cancelli (3D), Filippo Cassan(3D), Sofia Chiandotto (4B), Valentina Collavini (4E), Alessia Cumin (4E), Emanuele Dolci(4E), Anna Duca Zanini(4E), Francesco Fabbrino (4E), Aurora Ferro (3D), Martina Fongione (3D), Agata Leoni(3D), Flavia Maciuca (3D), Alice Marangon (4E), Elisa Ornella (4E), Bianca Podbersig (3D), Caterina Rossi (3D), Caterina Sandra (4E), Maria Scussolin (3D), Federica Spizzo (4B), Giulia Tramontano (4E), Silvia Venturini (3D), Giuliano Ziraldo (4E), accompagnati dai professori Corrado e Giachin, hanno partecipato al viaggio pellegrinaggio ai campi di concentramento di Dachau e Mauthausen, con visita al Castello di Hartheim (uno dei centri del progetto Aktion T4), organizzato dall’Aned – sezione di Udine.

 

 

 

 

 

image_pdfimage_print